Andrea Gerosolimo: “Sono ormai una vera e propria ossessione per Bruno Di Masci”

0
447

SULMONA – Un braccio di ferro che sembra non finire mai quello che vede protagonisti in questa ultima fase della campagna elettorale il candidato sindaco Bruno Di Masci e l’assessore regionale Andrea Gerosolimo. Dopo un battibecco dove i due si sono sfidati a colpi di comunicati stampa, rincara la dose l’assessore regionale. “Mi rendo conto di costituire, ormai da anni, una vera ossessione per Bruno Di Masci: ha inutilmente tentato, anche con il ricorso a metodi abietti e ad interlocuzioni basate sul linguaggio inelegante di cui lui è indiscusso maestro, di frenare il mio percorso politico”, sostiene Gerosolimo. “Rilevo che l’ossessione è determinata dalla semplice circostanza che lui non è riuscito ad assurgere al ruolo assessorile in seno alla Regione, né gli è stato possibile replicare il mandato di consigliere regionale poiché sonoramente battuto in occasione delle elezioni del 2005 e delle primarie del 2008. “Da quando frequento i palazzi regionali, ho avuto modo di riscontrare, in modo chiaro ed inequivocabile, che Di Masci non ha lasciato alcun segno in Regione se non a vantaggio di se’ stesso, attraverso la percezione del vitalizio, che costituisce la peggiore nefandezza agli occhi della opinione pubblica e, contestualmente, il segnale più emblematico di una classe politica parassitaria, che ha creato solo nocumento alle istituzioni e alla società”, prorompe l’assessore. “Ribadisco che il Prof. Di Masci dà prova di approssimativa e vacillante conoscenza degli atti quando chiede il contestuale riconoscimento della classificazione di Sulmona quale “polo di attrazione” e della Valle Peligna quale “area interna”, così come quando si avventura nel parlare di aree di crisi e di aree di crisi industriale complessa.GEROSOLIMO vs DI MASCI Argomenti impegnativi che non possono essere affrontati con mere enunciazioni e che, per la loro complessità, travalicano nettamente il suo limitato orizzonte. A lui che nel quinquennio trascorso al Consiglio Regionale si è preoccupato soltanto di portare a casa lo stipendio e di assicurarsi il vitalizio, ricordo la battaglia che ho condotto sul punto nascita, non esitando a spaccare la maggioranza in seno al Consiglio Regionale. Mi piacerebbe sapere quale atteggiamento avrebbe adottato, se si fosse trovato in analoga circostanza, lui che, a suo dire, “non ha mai sottostato a nessuno. Gli ricordo, inoltre, di aver sbandierato per Sulmona, nel recente passato, il prestigioso incarico di consulente della regione e dell’assessore Paolucci ma di non avere inciso in nessun modo nella politica sanitaria regionale e di essersi rivelato assolutamente incapace di svolgere un ruolo positivo a favore delle strutture sanitarie della Valle Peligna”. “Infine” – conclude – “relativamente al “bulletto di Prezza”, rilevo che il nostrano “La Qualunque”, alla luce delle sue esperienze familiari, prima di lanciare anatemi contro la mia persona, dovrebbe essere indotto a ben più miti consigli e, dunque, a non trascurare la trave nel suo occhio alla ricerca della classica pagliuzza negli occhi altrui”.

Andrea D’Aurelio

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO