E’ di Sulmona la prima donna sminatrice dell’Esercito

0
1111

SULMONA – La prima donna sminatrice dell’Esercito Italiano è di Sulmona. Un soldato in carne ed ossa che con coraggio e perseveranza ha bonificato un campo minato all’estero, trascorrendo sette mesi lungo il confine libanese. E’ la storia del maresciallo Claudia Papale, da dieci anni nell’esercito e da due comandante di plotone dell’Unità guastatori da ricognizione avanzata. Una passione quella per l’esercito nata nell’infanzia, proprio nel capoluogo peligno, dove la Papale è cresciuta con la sua famiglia. Un vero e proprio orgoglio sulmonese che in questi giorni ha trovato spazio su tv nazionali e riviste on line di spessore. Anche il Ministro della Difesa Roberta Pinotti in una nota ha specificato che “ il maresciallo Claudia Papale sfida e disinnesca gli ordigni per salvare donne, uomini e bambini. Tutto il mondo può contare sul suo coraggio e la sua competenza”. Ieri il maresciallo sulmonese ha raccontato le sue missioni in Italia e all’estero nella trasmissione di rai uno “ Uno Mattina”. “ L’attività più importante che ho fatto in questi anni è sicuramente è in Libano con la bonifica di un campo minato”, ha sottolineato Papale, specificando che le bonifiche avvengono anche in Italia. “Sono più di duemila infatti gli interventi che poniamo in essere con i nostri artificieri alla ricerca di bombe e ordigni vari della prima e seconda guerra mondiale”, racconta il maresciallo che aggiunge: “ continuiamo il nostro addestramento ancora oggi, pronti a partire per nuove missioni e nuove attività sia in Italia che all’estero”. A Claudia Papale le congratulazioni di Onda Tg. Il mondo ha bisogno del suo coraggio.
Andrea D’Aurelio

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO