Ovidio 2017 a Sulmona: arriva un altro disegno di legge da dieci milioni di euro

0
481

SULMONA – Tutti pazzi per “Ovidio 2017”. Dopo la proposta di legge presentata dalla senatrice di Forza Italia Paola Pelino, la legge regionale annunciata dall’assessore Andrea Gerosolimo, ecco un altro disegno di legge con cui celebrare degnamente il bimillenario della morte di Ovidio. La proposta già depositata in Senato parte dalla senatrice del Pd, Stefania Pezzopane ed è stata illustrata questa mattina nel corso di una conferenza stampa, alla quale ha partecipato anche il sub commissario del Pd sulmonese Amedeo Fusco. “Questa proposta depositata il 27 aprile è il frutto di un lavoro e di un percorso avviati da dicembre scorso – ha spiegato la senatrice – accolgo con favore che anche la senatrice Paola Pelino abbia depositato una sua proposta, in sede parlamentare potremo arrivare ad un testo unificato”. Tra le firme a sostegno della proposta Pezzopane spiccano quelle del Presidente della Repubblica emerito, Giorgio Napolitano, Sergio Zavoli, Walter Tocci, Paolo Corsini, Mario Tronti e Francesca Puglisi, presidente della Commissione Cultura del Senato. Al centro del disegno di legge il gemellaggio con Roma, dove Ovidio si trasferì a 12 anni. Per la senatrice è fondamentale intercettare i flussi turistici della Capitale. In cantiere anche la collaborazione con le università abruzzesi, promozione e sostegno ai grandi eventi come il Certamen. Il progetto di legge vale dieci milioni di euro da elargire in due annualità (2017 e 2018) e prevede anche l’istituzione di un Comitato promotore delle celebrazioni ovidiane, presieduto dal presidente del Consiglio dei ministri o da un suo delegato e composto dai sindaci di Roma e Sulmona e da quattro illustri esponenti della cultura e dell’arte esperti della vita e delle opere di Ovidio, di cui due designati dall’universita’ dell’Aquila. Al Comitato potranno aderire, in seguito, gli enti pubblici e i soggetti privati che vogliano promuovere la figura e l’opera del poeta e scrittore.

Andrea D’Aurelio

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO