Scoccia incontra gli elettori: “Il mio compenso da sindaco per il paese”

PREZZA – “Se sarò eletta sindaco metterò completamente a disposizione il mio compenso per il progresso del paese e della popolazione. Come prima cosa attiveremo un sistema di videosorveglianza perché Prezza e Campo di Fano sono paesi isolati”. Queste le prime parole pronunciate ieri dall’ex assessore provinciale Marianna Scoccia, candidato sindaco del Comune di Prezza, che ha presentato la squadra con la quale affronterà le consultazioni comunali del prossimo 5 giugno. Una lista quella di “ Noi Prezza” composta da dieci elementi che racchiude giovani e professionisti, rappresentati della frazione di Campo di Fano e amministratori uscenti come Agata Di Meo, consigliere provinciale. “Per me oggi fare politica è una passione. Prezza ha bisogno di tanto e noi, con la nostra squadra, dobbiamo cercare di cambiare rotta per il bene di questo paese”- rimarca Scoccia. La moglie dell’assessore regionale Andrea Gerosolimo, presente durante l’incontro, ha annunciato che presenterà ufficialmente il programma elettorale il prossimo 5 maggio ma i punti cardine del suo impegno politico sono già ben chiari: riqualificazione del centro storico, ristrutturazione dei campi sportivi di Prezza e Campo di Fano, ripristino del mercato rionale, introduzione di attività temporanee per risollevare il commercio cittadino e l’istituzione di una consulta comunale dei giovani. E non finisce qui. Marianna Scoccia chiede aiuto ai cittadini per “preparare un progetto significativo”, ottenendo una parte dei fondi regionali. Gli elettori potranno depositare la loro proposta all’interno di apposite urne che saranno allocate in alcuni locali della città. A sostenere la Scoccia nella lista “ Noi Prezza” Agata Di Meo, Christian Di Meo, Marco Di Meo, Candido Fallavollita, Antonio Ferrusi, Vito Frattaroli, Vitaliano Gentile, Concetta Marinucci, Fabrizio Pasquale e Antonietta Pasqualone. In molti l’hanno definita una donna con la “d maiuscola” che non si fa mettere i piedi in testa da nessuno.

Andrea D’Aurelio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *