Sulmona Parco Fluviale “A. Daolio”: stato di abbandono ed incuria

SULMONA – Doveva essere un fiore all’occhiello per la città di Sulmona il Parco Fluviale “A. Daolio” ma, a quasi due anni dalla sua riapertura che avvenne il 7 agosto 2014 con tanto di taglio del nastro, versa in condizioni di inaccettabile degrado. Sono i sulmonesi a segnalare lo stato di abbandono del polmone verde e a mostrare, con macchina fotografica alla mano, i segni dell’incuria. “Oltre a carte e rifiuti disseminati in ogni dove da incivili e maleducati” – rilevano – “abbiamo notato anche la situazione della biglietteria, che presenta un telo steso sul pavimento e alimenti su un tavolino, segno che qualcuno probabilmente trascorre la notte abitualmente all’interno del casotto”. I cittadini chiedono a gran voce un rapido intervento del Comune di Sulmona poiché – incalzano – la situazione è grave. “Come potranno i bambini giocare all’ interno del parco giochi tanto caro a qualche consigliere comunale?”, si chiedono. “Occorre una riqualificazione ampia e certa dotando magari il parco di un custode che tenga a bada la situazione, e che vigili anche sui tanti cani che circolano nella zona privi di collare con i padroni incuranti del pericolo per i passanti e i bambini. L’amministrazione batta un colpo”, chiosano i cittadini. Se da un lato gli organi preposti sono chiamati a vigilare, dall’altro gli stessi sulmonesi non possono venir meno al senso di appartenenza della comunità. L’inciviltà si vince solo non praticandola.

Andrea D’Aurelio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *